-
loading
Solo con l'immagine

Centenario fondazione

CENTENARIO FONDAZIONE

Guarda le offerte centenario fondazione
[Di più]

Amazon
Monza (Lombardia)
L'arena di Verona è la più grande infrastruttura teatrale all'aria aperta al mondo: l'anfiteatro romano, costruito nel 1 ° secolo d.C., ha una capienza di 13.500 persone e ospita circa 500.000 spettatori per stagione.La storica Opera fu fondata il 10 agosto 1913, la data in cui l'opera fu messa in scena nell'anfiteatro per la prima volta, in occasione del centenario della nascita di Giuseppe Verdi: la scelta cadde sull'Aida, che ne divenne il simbolo e la più interpretata del Festival. Da allora, il palcoscenico dell'Arena è stato ospitato dagli artisti più famosi del mondo. Nel 2013 la Fondazione Arena ha celebrato i primi 100 anni del Festival dell'Opera, un evento che ha arricchito la cultura italiana e internazionale con un nuovo modo di mettere in scena spettacoli, contribuendo a rendere una delle capitali della musica mondiale. L'Arena, sia un monumento che un teatro, è quindi un simbolo di Verona, una delle principali città del Veneto e teatro della storia immortale degli amanti shakespeariani Romeo e Giulietta.Ricco di arte e cultura, musei, chiese, ville storiche, vini prestigiosi e cucina tradizionale, nonché una vasta provincia che comprende una varietà di siti naturali come il Lago di Garda e le Prealpi; Verona e la sua Arena, il teatro sotto le stelle.REGOLAMENTO SPETTATORI  Die Arena von Verona ist das größte Freilichttheater der welt: das römische Amphitheater , im ersten Jahrhundert errichtet, hat ein Fassungsvermogen von 13.500 Personen und verzeichnet anlässlich jeder Opernsaison ca. 500.000 Zuschauer.Die Entestehung des historischen Opernfestivals geht auf den 10 August 1913 zurück: um das Jahrhundertjubiläum der Geburt von Giuseppe Verdi zu feiern, wurde zum ersten Mal im Amphitheater eine Oper aufgeführt; die Wahl fiel auf Aida und Verdis Werk ist seither zum Symbol des Opernfestivals aufgestiegen und ist die am öftesten aufgeführte Oper auf dem Spielplan der Arena von Verona.Seit damals sind auf der Bühne der Arena die weltweit berühmtesten Artisten in erfologreichen, von bekannten Künslern signierten  Inszenierungen aufgetreten. Im Jahr 2013 konnte die Stiftung Arena di Verona das Jahrhundertjubilaum des Opernfestivals feiern; dieses Event hat mit einer neuartigen Gestaltung von Schauspielen zur Bereicherung der italienischen und internationalen Kultur beigetragen und hat Verona zu einer der bedeutendsten Buhnen der internationalen Musikszene erkoren. Die Arena, sowohl Monument als auch Theater, wurde somit zum Symbol von Verona, einem der Hauptorte der region Venetien, der in aller Welt auch dank der unsterblichen Liebesgeschichte von Romeo und Julia aus dem gleichnamigen Werk Shakespeare bekannt ist.Die Kulturstatd Verona wartet mit weiteren Sehenswürdigkeiten vie Monumenten, museen, Kirchen, und historischen Villen auf. Ihre Umgebung zeichnet sich durch den Anbau edler Weine und eine traditionsreiche Küche in landschaftlich reizvollen Gegenden, wie dem Gardasee und den Voralpen aus. Verona und seine Arena, das berühmte Theater unter dem Sternenhimmel liegt nur wenige Kilometer vom Internationalen Flughafen entfernt und ist ebenso gut mit der Bahn und dem Auto zu erreichen.ZUSCHAUERREGELUNG  @CREDIT | Foto EnneviPer gentile concessione della Fondazione Arena di Verona | Courtesy of Fondazione Arena di Verona  
Merano (Trentino Alto Adige)
Pregiata moneta commemorativa FDC (fior di conio) da 5 euro in argento FS (sfondo a specchio) qualità proof, corredata dalla sua capsula di plastica trasparente e riposta nel suo elegante cofanetto originale con relativo certificato di autenticità; La moneta è stata emessa dalla Repubblica Di San Marino nell'anno 2013 per la ricorrenza del centenario (1913/2013) del Festival operistico all'Arena di Verona. -Recto: In primo piano lo stemma della Repubblica di San Marino, sul nastro la scritta -LIBERTAS-, alla base dell'emblema il nome dell'autore del bozzetto -A NAPOLIONE-, in giro la scritta REPUBBLICA DI SAN MARINO -. -Verso; Raffigurazione di profilo femminile ed elementi egizi rappresentativi dell'Aida, la prima opera lirica messa in scena all'Arena di Verona, In secondo piano, un particolare dell'anfiteatro romano con la gradinata idealmente trasformata in un pentagramma. In alto, ad arco, la scritta -ARENA DI VERONA- a seguire il logo del Centenario del Festival Lirico dell'Arena di Verona, in basso la lettera -R-, acronimo di Roma identificativo della Zecca ed il valore -5 EURO-, sul lato sinistro le date -1913- e -2013- rispettivamente identificative dell'anno di fondazione Festival e dell'anno di emissione, a destra, in posizione verticale, il nome dell'autore -CASSOL-. Prezzo richiesto per la moneta d'argento euro 50 + spese di spedizione.
Italia (Tutte le città)
Cedo copia della pubblicazione Il mondo - 100 anni di uomini e fatti De Agostini Edizione speciale per il centenario della fondazione dell'Istituto Geografico De Agostini Indice: 1900 - 1909 La Belle Epoque 1910 - 1919 Guerra e rivoluzioni 1920 - 1929 Gli anni ruggenti 1930 - 1939 Democrazia in crisi 1940 - 1949 Inizia l'era nucleare 1950 - 1959 La guerra fredda 1960 - 1969 Lo sbarco sulla luna 1970 - 1979 Il terrorismo 1980 - 1989 Comunismo addio 1990 - 1999 La globalizzazione L'anno 2000 Pag. 96 Formato cm. 28,5 x 21 Pubblicazione in buono stato di conservazione. Costi di spedizione: posta ordinaria piego libri da 2 euro (busta normale) o 2,5 euro (busta imbottita) posta raccomandata piego libri da 5 euro (busta normale) o 5,5 euro (busta imbottita)
Italia (Tutte le città)
Chiese e popoli delle Venezie nella Grande Guerra. Atti dei convegni di studio (Trento, 8-9 aprile 2016 e Vicenza-Asiago, 27-28 maggio 2016) a cura di Francesco Bianchi e Giorgio Vecchio; Collana: Venetomondo, 5; EDIZIONE CARTACEA pp. 560, 17x24 cm, bross., ft b/n; Peso di spedizione: 1,550kg.Collana: Venetomondo ISBN: 9788867287116. Il lungo centenario della prima guerra mondiale, con le commemorazioni e le celebrazioni estese tra 2014 e 2018, ha inevitabilmente (e meritoriamente) prodotto anche un’ampia serie di convegni di studio, di dibattiti scientifici e di pubblicazioni. Prematuro e inutile darne qui conto. In tale contesto vanno collocate pure le iniziative promosse dall’Istituto per le ricerche di Storia di Vicenza e dalla Fondazione Mazzolari di Bozzolo, con il coinvolgimento di altri istituti, particolarmente dell’area trentina. La particolarità di queste iniziative - delle quali si raccolgono gli atti in questo consistente volume - risiede nell’aver messo a fuoco anzitutto il complesso rapporto tra la guerra e la coscienza religiosa, considerando il contesto italiano e privilegiando la prospettiva della Chiesa cattolica, pur nella consapevolezza che anche nell’Italia del 1915-1918 esistevano altre confessioni religiose, tanto di ispirazione cristiana quanto ad essa estranee, come quella ebraica. Si tratta di un oggetto pili volte affrontato e peraltro ancora bisognoso di approfondimenti e di chiarimenti, resi possibili man mano che procede l’esplorazione degli archivi vaticani e diocesani. Se da un lato, infatti, si sa da tempo che i cattolici italiani si trovarono nel 1914-1915 in una condizione di forte e problematico pluralismo, dall’altro è anche vero che non tutto è stato scritto. Padova e provincia ritiro a mano (da concordare ) gratis. Le tariffe postali sono: - Raccomandata .........€. 5,10 sicura e tracciabile - Piego libri ordinario .........€. 2,10 non tracciabile quindi poco sicura.
Padova (Veneto)
Chiese e popoli delle Venezie nella Grande Guerra. Atti dei convegni di studio (Trento, 8-9 aprile 2016 e Vicenza-Asiago, 27-28 maggio 2016) a cura di Francesco Bianchi e Giorgio Vecchio; Collana: Venetomondo, 5; EDIZIONE CARTACEA pp. 560, 17x24 cm, bross., ft b/n; Peso di spedizione: 1,550kg.Collana: Venetomondo ISBN: 9788867287116. Il lungo centenario della prima guerra mondiale, con le commemorazioni e le celebrazioni estese tra 2014 e 2018, ha inevitabilmente (e meritoriamente) prodotto anche un’ampia serie di convegni di studio, di dibattiti scientifici e di pubblicazioni. Prematuro e inutile darne qui conto. In tale contesto vanno collocate pure le iniziative promosse dall’Istituto per le ricerche di Storia di Vicenza e dalla Fondazione Mazzolari di Bozzolo, con il coinvolgimento di altri istituti, particolarmente dell’area trentina. La particolarità di queste iniziative - delle quali si raccolgono gli atti in questo consistente volume - risiede nell’aver messo a fuoco anzitutto il complesso rapporto tra la guerra e la coscienza religiosa, considerando il contesto italiano e privilegiando la prospettiva della Chiesa cattolica, pur nella consapevolezza che anche nell’Italia del 1915-1918 esistevano altre confessioni religiose, tanto di ispirazione cristiana quanto ad essa estranee, come quella ebraica. Si tratta di un oggetto pili volte affrontato e peraltro ancora bisognoso di approfondimenti e di chiarimenti, resi possibili man mano che procede l’esplorazione degli archivi vaticani e diocesani. Se da un lato, infatti, si sa da tempo che i cattolici italiani si trovarono nel 1914-1915 in una condizione di forte e problematico pluralismo, dall’altro è anche vero che non tutto è stato scritto. Padova e provincia ritiro a mano (da concordare) gratis. Le tariffe postali sono: - Raccomandata.........€. 5,10 sicura e tracciabile - Piego libri ordinario.........€. 2,10 non tracciabile quindi poco sicura.
Alessandria (Piemonte)
CATALOGO -CATTEDRALE DI PISA IX CENTENARIO DELLA FONDAZIONE. MOSTRA ICONOGRAFICA. 1963. CONDIZIONI: OTTIME, COME DA FOTO. SPEDIZIONE SOLO TRACCIABILE. + SPESE. RESTITUZIONE NON ACCETTABILE.

Pubblicare Annunci Gratuiti - comprare e vendere usato in Italia | CLASF - copyright ©2020 www.clasf.it.