Presentazione corso aspiranti

-
loading
Solo con l'immagine

GRATIS PRESENTAZIONE CORSO ASPIRANTI GUARDIE GIURATE

GRATIS PRENOTA LA TUA PARTECIPAZIONE AL WORK SHOP E LEZIONE GRATUITA - PRENOTA SUBITO TELEFONANDO O INVIANDO UNA MAIL. Sviluppa le tue competenze sel settore della SICUREZZA partecipa alla lezione gratuita per aspiranti Guardie Giurate. VI ASPETTIAMO, A PRESTO. ACADEMY 3496050240 chiama per prenotare la tua partecipazione! invia mail: lavoraestudia@gmail.com
Padova (Veneto)

WORKSHOP GRATUITO PRESENTAZIONE CORSO DI DIZIONE

Presso location di Trecastagni si terrà SABATO 30 APRILE e SABATO 7 MAGGIO un workshop di presentazione a n. chiuso, per aspiranti al corso di formazione con attestato e giudizio finale. La corretta dizione (senza inflessioni dialettali) e un buon linguaggio del corpo sono elementi indispensabili in qualunque attività lavorativa e specialmente utilI ai giovani per essere preferiti, anche in attività lavorative d'ingresso, come call center, hostess, teatro e canto. Nel corso del workshop saranno dati cenni inerenti il metodo e alcuni consigli per adoperare un corretto linguaggio che saprà conquistare l'attenzione di chi vorrà assumere personale preparato in grado di esprimere qualità e simpatia. Il costo di partecipazione sarà molto contenuto e alla fine, per coloro che ne fossero interessati, potranno raccogliersi le adesioni con iscrizione. mail: opportunitalavorative2016@gmail.com https://www.facebook.com/Opportunit%C3%A0-lavorative-464387330435930/ contatto: 340 8624584
Catania (Sicilia)

CORSO BIEN. DI PERF IN: COMUNICAZIONE,TECNOLOGIE EDUCATIVE

Corso biennale di perfezionamento in: comunicazione,tecnologie educativo/didattiche e cultura dellâ€(TM)integrazione scolastica il corso biennale di perfezionamento in “comunicazione, tecnologie educativo/didattiche e cultura dellâ€(TM)integrazione scolastica”, di durata pari a 3000 ore di impegno complessivo, corrispondenti a 120 cfu. a coloro che avranno superato la prova finale verrà rilasciato, ai sensi della legge 341/90, il diploma di perfezionamento in “comunicazione, tecnologie educativo/didattiche e cultura dellâ€(TM)integrazione scolastica”. presentazione e finalità il corso si propone di fornire ai docenti quegli strumenti che permettano loro di poter rispondere in maniera adeguata a una richiesta di formazione che diviene sempre più complessa ed articolata. lâ€(TM)itinerario formativo prevede lâ€(TM)acquisizione di competenze che riguardano lâ€(TM)universo comunicativo, lâ€(TM)utilizzo delle nuove tecnologie in campo didattico ed una loro valutazione e rielaborazione critica, passando attraverso lâ€(TM)integrazione, i diritti della persona e la dimensione cognitivo comportamentale. in sintesi, il corso si prefigge lo scopo di porre i frequentanti in grado di orientare e di orientarsi, in maniera pienamente rispondente alle più avanzate richieste di formazione/istruzione, in quei settori del sapere contemporaneo che maggiormente stanno determinando un cambiamento sostanziale nella nostra epoca e di cui la scuola deve necessariamente farsi carico. destinatari il corso biennale di perfezionamento è destinato a docenti ed aspiranti docenti delle scuole di ogni ordine e grado, professionisti e operatori del settore scolastico, educativo, della formazione, che intendano aggiornare il proprio profilo professionale. requisiti di accesso per lâ€(TM)iscrizione al corso è richiesto il possesso di uno dei seguenti titoli: - diploma di laurea quadriennale (vecchio ordinamento); - diploma di laurea triennale e/o laurea specialistica/magistrale secondo il dm 509/99 e successivo; - titolo equipollente conseguito presso università straniere. sono inoltre, ammessi coloro in possesso del diploma delle accademie delle belle arti, dei conservatori e dellâ€(TM)isef. i titoli di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di ammissione. i corsisti sono ammessi con riserva previo accertamento dei requisiti previsti dal bando. insegnamenti/ attività 1 anno: modulo 1 comunicazione modulo 2 integrazione scolastica modulo 3 metodologie didattiche i modulo 4 sviluppo cognitivo/ comportamentale i insegnamenti/ attività 2 anno: modulo 1 tecnologie didattiche modulo 2 legislazione scolastica modulo 3 metodologie didattiche ii modulo 4 sviluppo cognitivo/ comportamentale ii esami gli iscritti a conclusione di ogni annualità, dovranno sostenere una prova su ciascun modulo didattico previsto del bando e inoltre, a conclusione del 2° anno, dovranno presentare e discutere una tesi redatta secondo le modalità indicate dai coordinatori. per qualsiasi informazione: 0965/490085
Italia

900 €

CORSO PROFESSIONALE DI GELATERIA A CUNEO

Corso integrativo presso la Scuola del Cioccolato Perugina. 300 ore di formazione professionale con pratica garantita in gelateria. Diventa un mastro gelataio professionista. Impara un mestiere creativo e artigianale. Pratica da svolgere in rinomato laboratorio di gelateria della tua zona di residenza. Poiché il gelato artigianale italiano è rinomato e apprezzato in tutto il mondo, una volta terminato il corso, gli allievi potranno spendere il proprio attestato anche fuori dal territorio nazionale per iniziare un percorso professionale all’estero. Specializzati nella raffinata arte del gelato attraverso un corso di gelateria professionale. Il processo di produzione del gelato artigianale è complesso, richiede una grande precisione, dedizione al lavoro e un’ottima conoscenza degli ingredienti e delle materie prime. Chi svolge la professione di gelatiere o gelataio, deve possedere un buono standing, conoscere le tecniche di presentazione del gelato in vetrina, porre attenzione ai dettagli del servizio e curare il design e la pulizia della propria gelateria, affinché l’immagine del locale sia gradevole e stimoli la sosta nel locale. Informazioni e dettagli sul corso di gelateria 60 ore di teoria Imparerai direttamente da illustri professionisti che vantano grande esperienza. Il corso è rivolto a chiunque voglia acquisire una buona abilità pratica ed operativa sulle tecniche di realizzazione dei gelati artigianali, sulla lavorazione delle materie prime e sull’utilizzo, manutenzione e pulizia degli apparecchi per la produzione del freddo, dei tagli e delle operazioni preliminari. 240 ore di pratica Terminata la parte teorica svolgerai la parte pratica del corso in una gelateria convenzionata con noi, nella tua zona di residenza, dove potrai imparare sul campo e fare esperienza. L’obbiettivo del corso è quindi quello di formare professionisti altamente qualificati, in grado di inserirsi in attività artigianali di piccole e medie dimensioni. Corso integrativo della Scuola del Cioccolato Perugina. Scegliendo il nostro corso di gelateria potrai accedere all’esclusivo corso integrativo sul cioccolato tenuto dai mâitre chocolatier della Scuola del Cioccolato Perugina. La Scuola del Cioccolato Perugina progetta percorsi formativi per permettere di scoprire i segreti del cioccolato, apprendere le tecniche di lavorazione e stimolare la fantasia e la creatività di tutti gli aspiranti pasticcieri. Al termine del corso integrativo, gli allievi potranno portare a casa l’attestato di partecipazione. Allo scopo di agevolare i nostri studenti nella ricerca di un lavoro, abbiamo creato un network di 5.000 aziende. Dal 1991 ad oggi abbiamo stretto partnership con più di 5.000 aziende, ed è proprio questo uno dei punti forti del nostro corso… agevoliamo l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Come? Da un lato ci sono le aziende, nostri partner, che ci richiedono profili qualificati, dall’altro ci sono i nostri studenti che, al termine del loro percorso formativo, vengono presentati alle suddette aziende. Iscrizioni ancora aperte... Garantendo ad ogni studente l’inserimento formativo in ristoranti rinomati e di prestigio, i posti disponibili sono limitati. Prenota la tua consulenza gratuita e senza impegno.
Italia (Tutte le città)

CORSO DI PUBLIC SPEAKING INDIVIDUALE

Corso individuale di public speaking PARLARE IN PUBBLICO – PUBLIC SPEAKING Spazio TeatRing, via portoferraio 4 Milano www.teatring.it Per aspiranti attori, ma non solo Per chi fa del parlare in pubblico il proprio mestiere Per chi desidera dare di sé un'immagine forte e sicura Non solo per un attore è importante comunicare con la massima incisività. In parecchi mestieri è richiesta e apprezzata una voce sicura e capace di assumere tonalità e colori efficaci e pertinenti con ciò che si sta presentando, sia esso un brano di Shakespeare o una presentazione commerciale. Il corso è quindi aperto a tutte le figure professionali dove sia richiesta la padronanza del mezzo vocale. Argomenti del corso: Gestione del fiato: respirazione ed emissione vocale Analisi della postura Controllo dell'emotività e dello stress Aumentare la consapevolezza delle proprie capacità espositive Esercizi posturali e di emissione Migliorare l'emissione vocale Trasmettere il proprio messaggio, migliorandone la comunicazione e l'efficacia IL CORSO È INDIVIDUALE E SI SVILUPPA SU MODULI DI 10 ORE; LE LEZIONI DURANO UN'ORA E HANNO CADENZA SETTIMANALE. SU RICHIESTA SI POSSONO ORGANIZZARE MODULI PIÙ INTENSIVI, AD HOC PER OGNI ESIGENZA Insegnante: MARIANNA ESPOSITO Attrice e regista. Formata, a Milano, presso CTA, Quelli di Grock, Studio laboratorio dell'Attore di Raul Manso (dove si specializza nel metodo Stanislavskij/Strasberg); si diploma al Corso di formazione superiore per attori di Emilia Romagna Teatro. Segue laboratori con, tra gli altri: Living Theatre, Pepe Robledo e Pippo del Bono, Maria Grazia Mandruzzato. Partecipa a seminari internazionali sulla pedagogia teatrale. Segue corsi di canto, danza e contact improvisation. Arriva finalista al premio Scenario 1994/95, al concorso nazionale L'arca in Collina - il teatro che verrà 2006, al premio nazionale per attrici Bianca Maria Pirazzoli 2008, al Festival Internazionale di Regia Teatrale Fantasio Piccoli nel 2009, a UNO, Concorso Nazionale di Monologhi Teatrali. Lavora come insegnante di recitazione e dizione dal 1998, collaborando con accademie, scuole di teatro, licei e scuole elementari di Milano e provincia. Dirige seminari intensivi di recitazione e composizione drammaturgica. Dal 2004 orienta la sua ricerca sul teatro fisico ed è direttrice artistica e regista della compagnia teatrale TeatRing, da lei stessa fondata, che ha all'attivo diverse produzioni. Sito web: www.teatring.it
Milano (Lombardia)

CORSO DI PUBLIC SPEAKING INDIVIDUALE

Corso individuale di public speaking PARLARE IN PUBBLICO – PUBLIC SPEAKING Spazio TeatRing, via portoferraio 4 Milano www.teatring.it Per aspiranti attori, ma non solo Per chi fa del parlare in pubblico il proprio mestiere Per chi desidera dare di sé un\'immagine forte e sicura Non solo per un attore è importante comunicare con la massima incisività. In parecchi mestieri è richiesta e apprezzata una voce sicura e capace di assumere tonalità e colori efficaci e pertinenti con ciò che si sta presentando, sia esso un brano di Shakespeare o una presentazione commerciale. Il corso è quindi aperto a tutte le figure professionali dove sia richiesta la padronanza del mezzo vocale. Argomenti del corso: Gestione del fiato: respirazione ed emissione vocale Analisi della postura Controllo dell\'emotività e dello stress Aumentare la consapevolezza delle proprie capacità espositive Esercizi posturali e di emissione Migliorare l\'emissione vocale Trasmettere il proprio messaggio, migliorandone la comunicazione e l\'efficacia IL CORSO È INDIVIDUALE E SI SVILUPPA SU MODULI DI 10 ORE; LE LEZIONI DURANO UN\'ORA E HANNO CADENZA SETTIMANALE. SU RICHIESTA SI POSSONO ORGANIZZARE MODULI PIÙ INTENSIVI, AD HOC PER OGNI ESIGENZA Insegnante: MARIANNA ESPOSITO Attrice e regista. Formata, a Milano, presso CTA, Quelli di Grock, Studio laboratorio dell\'Attore di Raul Manso (dove si specializza nel metodo Stanislavskij/Strasberg); si diploma al Corso di formazione superiore per attori di Emilia Romagna Teatro. Segue laboratori con, tra gli altri: Living Theatre, Pepe Robledo e Pippo del Bono, Maria Grazia Mandruzzato. Partecipa a seminari internazionali sulla pedagogia teatrale. Segue corsi di canto, danza e contact improvisation. Arriva finalista al premio Scenario 1994/95, al concorso nazionale L\'arca in Collina - il teatro che verrà 2006, al premio nazionale per attrici Bianca Maria Pirazzoli 2008, al Festival Internazionale di Regia Teatrale Fantasio Piccoli nel 2009, a UNO, Concorso Nazionale di Monologhi Teatrali. Lavora come insegnante di recitazione e dizione dal 1998, collaborando con accademie, scuole di teatro, licei e scuole elementari di Milano e provincia. Dirige seminari intensivi di recitazione e composizione drammaturgica. Dal 2004 orienta la sua ricerca sul teatro fisico ed è direttrice artistica e regista della compagnia teatrale TeatRing, da lei stessa fondata, che ha all\'attivo diverse produzioni. Sito web: www.teatring.it
Italia (Tutte le città)

CORSO DI PASTICCERIA MODERNA A COSSATO (BI)

ISCRIZIONI APERTE AL CORSO DI FORMAZIONE PRATICA DI PASTICCERIA MODERNA ORGANIZZATO A COSSATO (BI) - IL CORSO PREVEDE UNA QUOTA DI ISCRIZIONE DESCRIZIONE Il corso fornisce approfondimenti sulla pasticceria, in particolare modo sulla presentazione e decorazione in chiave moderna di dolci e torte. Un percorso studiato con l’obbiettivo di sperimentare e creare dolci innovativi, belli da vedere e soprattutto buoni da mangiare, originali nell’estetica. Le torte saranno decorate con diverse tecniche, tra cui l’utilizzo dei macarons. Si realizzeranno varianti alternative e rivisitate di un classico della tradizione, come ad esempio la crostata, modernizzata nel gusto, nella realizzazione e nella decorazione. Imparerete a creare salse per finger food e dessert al piatto con consistenze diverse in base a quello che si vuole ottenere dal dolce che si sta preparando. Inoltre si affronteranno diversi abbinamenti di gusti, le consistenze, la masticabilità, la disposizione del dolce (monoporzioni, verrine, piatti, cucchiai ecc.), l’altezza, il colore, la temperatura e gli elementi decorativi. DESTINATARI Il corso è indirizzato agli aspiranti pasticceri e a chiunque desideri approfondire certe tematiche di pasticceria e decorazione di torte, pasticceri in cerca di creatività e nuovi spunti, a chi già realizza torte e voglia migliorare la presentazione delle stesse, oppure a chi semplicemente voglia approfondire alcune tecniche di lavorazione e presentazione di dolci. PROGRAMMA (18 ore, 6 lezioni serali): Verrine, Macaron, Finger Food con salse, Dessert al piatto con salse, Cheese Cakes, Crostate moderne. Nota: Il programma sopra indicato è una linea guida e può subire variazioni. QUALI SARANNO I PASSI SUCCESSIVI ALLA RICHIESTA DI INFORMAZIONI? Richiedi maggiori informazioni, senza impegno! Appena riceveremo la tua richiesta, sarai contattato dal referente formativo che ti fornirà tutti i dettagli del corso.
Cossato (Piemonte)

CORSO DI PASTICCERIA A CAVRIAGO (RE)

ISCRIZIONI APERTE AL CORSO DI FORMAZIONE PRATICA DI PASTICCERIA MODERNA ORGANIZZATA A CAVRIAGO (RE) - IL CORSO PREVEDE UNA QUOTA DI ISCRIZIONE DESCRIZIONE Il corso fornisce approfondimenti sulla pasticceria, in particolare modo sulla presentazione e decorazione in chiave moderna di dolci e torte. Un percorso studiato con l’obbiettivo di sperimentare e creare dolci innovativi, belli da vedere e soprattutto buoni da mangiare, originali nell’estetica. Le torte saranno decorate con diverse tecniche, tra cui l’utilizzo dei macarons. Si realizzeranno varianti alternative e rivisitate di un classico della tradizione, come ad esempio la crostata, modernizzata nel gusto, nella realizzazione e nella decorazione. Imparerete a creare salse per finger food e dessert al piatto con consistenze diverse in base a quello che si vuole ottenere dal dolce che si sta preparando. Inoltre si affronteranno diversi abbinamenti di gusti, le consistenze, la masticabilità, la disposizione del dolce (monoporzioni, verrine, piatti, cucchiai ecc.), l’altezza, il colore, la temperatura e gli elementi decorativi. DESTINATARI Il corso è indirizzato agli aspiranti pasticceri e a chiunque desideri approfondire certe tematiche di pasticceria e decorazione di torte, pasticceri in cerca di creatività e nuovi spunti, a chi già realizza torte e voglia migliorare la presentazione delle stesse, oppure a chi semplicemente voglia approfondire alcune tecniche di lavorazione e presentazione di dolci. PROGRAMMA (18 ore, 6 lezioni) Verrine • Macaron • Finger Food con salse • Dessert al piatto con salse • Cheese Cakes • Crostate moderne. Nota: Il programma è una linea guida e può subite variazioni. QUALI SARANNO I PASSI SUCCESSIVI ALLA RICHIESTA DI INFORMAZIONI? Richiedi maggiori informazioni, senza impegno! Appena riceveremo la tua richiesta, sarai contattato dal referente formativo che ti fornirà tutti i dettagli de
Cavriago (Emilia Romagna)

CORSO DI CUCINA A PESARO

Obiettivi: Fornire gli elementi di base per la preparazione degli antipasti, dei primi, dei secondi piatti e dei dolci, per ottenere le competenze che permettono di accedere al mestiere di cuoco e aiuto cuoco: tale preparazione sarà affrontata, come nelle migliori tradizioni locali, senza aiuti meccanici: a mano c’è sicuramente più gusto e una soddisfazione straordinaria, per se stessi e i clienti, ma anche semplicemente per gli invitati a casa. Perché partecipare: Per acquisire la tecnica, la professionalità e le competenze necessarie e indispensabili a creare piatti di alta qualità. Saranno abilità facilmente spendibili sia per chi vuole intraprendere il mestiere con possibilità di inserimento lavorativo in ristoranti, mense, alberghi, agenzie di catering, bistrot, aziende di produzione e distribuzione del settore culinario, navi da crociera, che per chi lo vive semplicemente come hobby. Destinatari: Il corso è indirizzato ai principianti, aspiranti cuochi, giovani in cerca di lavoro qualificato e a chiunque desideri imparare i fondamenti della cucina e della ristorazione Durata, orari: 44 ore, una / due sere a settimana, dalle 19,00 alle 23,00 - Il corso è a numero chiuso PROGRAMMA Analitico Introduzione al mestiere: Norme Igienico Sanitarie, Sicurezza e le materie prime. Igiene personale e ambientale. Normative vigenti in materia di sicurezza e prevenzione infortuni. Principi del sistema HACCP. Il dosaggio, la miscelazione, gli aromi e le spezie, i condimenti, i fondi, i roux, salse e cottura. Antipasti e Finger Food (12 ore): Tecniche di base: Come preparare e pelare i pomodori e gli agrumi, come tagliare e tostare il pane – Preparazione delle principali salse di base, calde, fredde e condimenti (maionese, citronnette, vinaigrette…). L’arte di decorare e presentare il piatto. FINGER FOOD: Accostamento e abbinamento dei sapori, gli odori e i caratteri cromatici dei cibi. Realizzazione pratica e impiattamento dei Finger Food nelle diverse modalità di presentazione: bicchierini, cucchiai, cocotte, piattini, coppette, spiedini.. ANTIPASTI CALDI e FREDDI: Preparazione pratica di gustosi antipasti, aperitivi, stuzzichini e snack (carni, verdure, pesce, tramezzini...) Primi Piatti (12 ore): Tecniche di base: Preparazione salse e condimenti (besciamelle, ragù, salse di pomodoro) – Tecniche di cottura: come saltare la pasta e come fare le paste gratinate – Tritare e affettare: le regole per tagliare, tritare e affettare correttamente – Le tecniche di legatura: con amido puro, con roux e con burro. RISO e RISOTTI: Scelta del riso e le diverse cotture - Il brodo per i risotti: Brodo di carne, vegetale di pesce o fumetto - Realizzazione di diverse portate a base di riso e risotti (pilaf, mantecati, al vapore, bollito, con carne, verdura e/o pesce). LA PASTA: Pasta all’uovo, quella di farina e acqua e la pasta verde – La scelta degli ingredienti, i tempi di cottura e presentazione. Preparazione di diverse portate di pasta secca e fresca con abbinamento di condimenti e ripieni a base di carne, verdura e/o pesce. Secondi Piatti (12 ore): Tecniche di base: I sistemi di cottura della carne e del pesce: la cottura al forno, la cottura al cartoccio, la cottura alla griglia, la cottura in padella e al salto - Riconoscere il giusto grado di cottura - Preparazione di diverse portate di secondi di carne, pesce e verdure nelle diverse modalità di cottura. ARROSTI e GRIGLIATE: Arrosto al Forno, Arrosto alla Griglia e allo Spiedo: le tecniche di preparazione, Temperature e tempi di cottura, rosolatura e riposo. Presentazione e impiattamento. UMIDI e BRASATI: Spezzatini, Stufato e Brasato: le tecniche di preparazione, la scelta della materia prima, e come tagliare la carne. Dolci e Pasticceria (8 ore): Tecniche di base: Tutti i trucchi e i consigli per realizzare semifreddi, mousse e le torte più gustose, senza dimenticare la finissima biscotteria da te – Tecniche di Preparazione degli Impasti, Creme e Farciture Base. SEMIFREDDI, TORTE e BISCOTTERIA: Preparazione e realizzazione di dessert al cucchiaio, delle torte, pasticceria e biscotteria più gustose. Al termine di ogni lezione verranno gustati i menù preparati da tutti gli allievi
Pesaro (Marche)

CORSO DI SUSHI E SASHIMI

Obiettivi Fornire gli elementi di base della Cucina Giapponese, e nello specifico per la preparazione di Sushi & Sashimi e degli Hosomaki & Uramaki: tale preparazione sarà affrontata, come nelle migliori tradizioni locali, con continue esercitazioni pratiche. Sarà straordinario apprendere quest’arte sia per un approccio professionale, che semplicemente per se stessi e i propri invitati a casa. Perché partecipare Per acquisire la tecnica, la professionalità e le competenze necessarie e indispensabili a creare piatti di alta qualità. Saranno abilità facilmente spendibili sia per chi cerca possibilità di inserimento lavorativo in ristoranti, mense, alberghi, agenzie di catering, bistrot, aziende di produzione e distribuzione del settore culinario, navi da crociera, che per chi lo vive semplicemente come hobby e passione. Destinatari Il corso è indirizzato ai principianti, aspiranti cuochi, giovani in cerca di lavoro qualificato e a chiunque desideri imparare i fondamenti della cucina Giapponese. Durata:30 ore, una/due sere la settimana - Il corso è a numero chiuso PROGRAMMA Introduzione: Norme Igienico Sanitarie, Sicurezza e le materie prime. Igiene personale e ambientale. Introduzione alla cultura Giapponese e storia del Sushi. Glossario e Utensili. Descrizione delle Attrezzature e loro utilizzo. Sushi & Sashimi (15 ore) Tecniche di base, Sushi & Sashimi: Illustrazione e Descrizione della lista degli ingredienti: Il Pesce, la Carne, la Frutta, la Verdura e i prodotti Giapponesi necessari - Come preparare il Riso: Tecniche di Cottura, Preparazione e Condimenti (Esercitazioni Pratiche) – Il Taglio del Pesce e l’Affettatura dei Filetti (Esercitazioni Pratiche) – Il Taglio e l’Affettatura delle Verdure (Esercitazioni Pratiche) - L’arte di decorare e presentare il piatto: Decorazioni e Composizione nelle diverse modalità di presentazione (Esercitazioni Pratiche). Preparazione e Degustazione di Sashimi (al Tonno, Salmone e Branzino): Esercitazioni Pratiche. Hosomaki & Uramaki (15 ore) Tecniche di base, Hosomaki & Uramaki: Illustrazione e Descrizione della lista degli ingredienti: Il Pesce, la Carne, la Frutta, la Verdura e i prodotti Giapponesi necessari - Come preparare il Riso: Tecniche di Cottura, Preparazione e Condimenti (Esercitazioni Pratiche) – Il Taglio del Pesce e l’Affettatura dei Filetti (Esercitazioni Pratiche) - Il Taglio e l’Affettatura delle Verdure (Esercitazioni Pratiche) - L’arte di decorare e presentare il piatto: Decorazioni e Composizione nelle diverse modalità di presentazione (Esercitazioni Pratiche). Preparazione e Degustazione di Hosomaki e Uramaki (al Tonno, Salmone, Cetriolo, Avocado, Alghe e Philadelphia): Esercitazioni Pratiche. Al termine di ogni lezione verranno gustati i menù preparati da tutti gli allievi
Faenza (Emilia Romagna)

CORSO DI CUCINA A GENOVA

ISCRIZIONI APERTE AL CORSO DI FORMAZIONE PRATICA DI CUCINA ORGANIZZATO A GENOVA - IL CORSO PREVEDE UNA QUOTA DI ISCRIZIONE DESCRIZIONE Il corso di cucina organizzato da Progetto PerFormare fornisce le tecniche e gli elementi di base per la preparazione di piatti semplici e veloci, preparati nel rispetto delle norme igienico sanitarie del settore della produzione alimentare. OBIETTIVI Il corso è rivolto a principianti, aspiranti cuochi, appassionati, a chiunque desideri imparare i fondamenti della cucina e della ristorazione o desideri aggiornare le proprie competenze, a giovani in cerca di lavoro qualificato. Tra i temi trattati: gli utensili e le attrezzature da cucina, la scelta delle materie prime, l’interazione e la conservazione degli alimenti. Esercitazioni pratiche e degustazione dei piatti preparati durante il corso. PROGRAMMA (27 ore, 9 lezioni) ANTIPASTI FREDDI E CALDI - FINGER&FOOD: tecniche di presentazione e preparazione. PASTA: secca e fresca all'uovo. SALSE E I SUGHI: salse madri, fredde e calde, fondute, erbe aromatiche, burri, sughi. MINESTRE E ZUPPE - RISOTTI: minestroni, fondute, creme, vellutate, brodo ecc. CARNE BIANCA E ROSSA: scelta, tagli, cottura, legatura, lardellatura, brasatura ecc. COTTURE - LA FRITTURA: in umido, al sale, arrosto, grigliato, al vapore, marinato, affumicato, frittura ecc. VERDURE E CONTORNI: lessate, al vapore, grigliate, fritte ecc. PESCE: scelta, pulizia, sfilettatura, tagli, cottura, condimenti, conservazione. DOLCI: pasta frolla e lievitata, dolci al cucchiaio, creme ecc. N.B. Il programma sopra indicato è una linea guida e può subire variazioni. QUALI SARANNO I PASSI SUCCESSIVI ALLA RICHIESTA DI INFORMAZIONI? Richiedi maggiori informazioni, senza impegno! Appena riceveremo la tua richiesta, sarai contattato dal referente formativo che ti fornirà tutti i dettagli del corso, ti darà le informazioni sulle modalità, programma, orari e sede, modulo iscrizione e metodi di pagamento.
Genova (Liguria)

ASPIRANTI CRIMINOLOGI

Master in Criminologia, Criminalistica, Investigazione e Psicologia Giuridica - Master con Borsa di Studio- Obiettivo Il corso intensivo proposto dall’INPEF si pone l’obiettivo di delineare il profilo professionale dell'esperto nell’ambito delle scienze criminologiche, dell’investigazione e della psicologia forense competente, in grado non solo di osservare e raccogliere, ma anche di progettare soluzioni e risposte in ambito giuridico e sociale e relazionale. Grazie al Master imparerai a: -Riconoscere ed analizzare la complessità del fatto criminale e dei contesti criminogeni di riferimento -Cogliere la specificità dei contenuti trattati secondo le prospettive criminologiche integrate e secondo un approccio interdisciplinare -Favorire una maggiore consapevolezza dell’ identità professionale degli operatori giuridici e psico-sociali -Imparare a lavorare in team secondo l’ Approccio Multidisciplinare Coordinato -Imparare la corretta metodologia di redazione di perizie e consulenze tecniche nell’ambito delle scienze criminologiche e forensi. Struttura Il Master si struttura in 1500 ore di formazione in formula. Nuova edizione: 28 ottobre 2017 Programma Il programma è articolato nei seguenti macropunti: -Le origini del pensiero Criminologico – Antropologia Criminale -Le Scienze Forensi e aree di applicabilità -Distinzione tra Criminologia e Criminalistica -Analisi Comportamentale e Criminal Profiling; i principi dell’attività investigativa -Elementi di Diritto -L’analisi della scena del crimine: le attività di primo intervento sulla scena del crimine; le attività di -sopralluogo e di repertazione; Il ruolo della Ricostruzione in 3D della Scena del Crimine nel Dibattimento -Attività investigativa e tecniche di investigazione, pedinamento, appostamento, intercettazioni -Il giornalismo investigativo -Crimini in famiglia (Analisi e studio di casi giudiziari) -Uso del DRONE per la ripresa della Scena del Crimine -Grafologia Forense -Vittimologia: il ruolo attivo della vittima nel reato -Autopsia psicologica come mezzo investigativo -Genetica Forense: l’analisi del DNA con focus sui reati a sfondo sessuale (illustrazione di casi pratici) -I disastri di massa, Antropologia e Odontologia forense (esami di ossa, denti e resti umani) -Genetica ed imputabilità -Lineamenti di Medicina Legale -Analisi Comportamentale: il Criminal Profiling; i crimini seriali -Esercitazione pratica: stesura del profilo di un omicida seriale -Il Giudice Onorario, l’esperto del Tribunale di Sorveglianza e l’esperto ex art. 80 dell’Ordinamento -Penitenziario -Balistica Forense, residui dello sparo, armi e munizioni -La perizia, la CTU e la CTP: dalla accettazione dell’incarico alla Relazione Finale e/o al dibattimento. -L’attività di Primo Soccorso Sanitario sulla Scena del Crimine -Elementi di Entomologia forense -La Scienza delle impronte: papillari, plantari, pneumatiche. -Strumenti effrattori -BPA – Blood Pattern Analysis -Esercitazioni pratiche Il Master prevede verifiche in itinere e questionari di gradimento alla fine di ogni modulo. Sono previste, tra le prove in itinere, simulazioni ed esercitazioni in Sede, presso Strutture o sulla “Scena del crimine”. Al termine del Master è prevista una verifica finale costituita da una Simulazione di un dibattimento, e la presentazione orale di un elaborato in forma di tesi. A tutti i corsisti verrà rilasciato un Attestato di Frequenza e un Certificato di Competenze che attesteranno le conoscenze acquisite. Destinatari Il corso intensivo si rivolge a tutte le classi di laurea previa valutazione. Può inoltre accedere personale in servizio nella Polizia di Stato, nell’ Arma dei Carabinieri, nel Corpo della Guardia di Finanza, nella Marina Militare, nell’Aeronautica Militare, nella Polizia Penitenziaria, nel Corpo Forestale dello Stato, nel Corpo Militare Croce Rossa, nella Polizia Municipale. Modalità di ammissione Le iscrizioni dovranno pervenire via mail corredate di CV e saranno accettate secondo l'ordine di arrivo fino a raggiungimento del numero previsto. Sede Il corso si svolgerà presso la sede dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, Via dei Papareschi, 11 (Angolo Piazzale della Radio) - Roma, con possibilità di variare la sede a seconda del numero dei partecipanti. Contatti Per ulteriori informazioni vi invitiamo a rispondere all’annuncio o contattare l’Istituto ai recapiti indicati nel nostro profilo. N.B. Il costo del Master è da intendersi IVA esclusa. Inserzionista: Inpef
Roma (Lazio)

MASTER PROFESSIONALIZZANTE PER ASPIRANTI CRIMINOLOGI

Ottava edizione del Master, tenuto da docenti esperti del settore e di criminologi esperti in scienze criminalistiche, che fornisce conoscenze e strumenti operativi utili ed efficaci ai fini della formazione dei profili di criminologo, di esperto investigativo e di Consulente Tecnico d’Ufficio e di Parte. Obiettivo Il Master si pone l’obiettivo di delineare il profilo professionale dell'esperto nell’ambito delle scienze criminologiche, dell’investigazione e della psicologia forense competente, in grado non solo di osservare e raccogliere, ma anche di progettare soluzioni e risposte in ambito giuridico e sociale e relazionale. Grazie al Master imparerai a: -Riconoscere ed analizzare la complessità del fatto criminale e dei contesti criminogeni di riferimento -Cogliere la specificità dei contenuti trattati secondo le prospettive criminologiche integrate e secondo un approccio interdisciplinare -Favorire una maggiore consapevolezza dell’ identità professionale degli operatori giuridici e psico-sociali -Imparare a lavorare in team secondo l’ Approccio Multidisciplinare Coordinato -Imparare la corretta metodologia di redazione di perizie e consulenze tecniche nell’ambito delle scienze criminologiche e forensi. Struttura Il Master si struttura in 1500 ore di formazione in formula weekend (1 o 2 incontri al mese). I Docenti del Master: Dott.ssa Marina Baldi, Biologa Forense, Criminologa, Donatella Cerè, Consiglio Nazionale Forense; Francesca De Rinaldis, Psicologa Forense, Criminologa; Beatrice Farneti, Esperta nella ricostruzione della scena del crimine con metodo scenografico per il dibattimento; Martino Farneti, Polizia di Stato, Balistica Forense; Gen. CC (cong.) Luciano Garofano, Biologo forense, già Comandante RIS di Parma; Fabio Fagiolari, Medico Legale; Paola Gnasso, Grafologa giudiziaria; Francesco Miraglia, Avvocato, Mediatore Criminologo; Giuseppe Quaresima, Maresciallo, A.S. UPS; Stefano Vanin, Entomologo Forense; Antonio Mancini, Polizia Scientifica Programma Il programma è articolato nei seguenti macropunti: -Le origini del pensiero Criminologico – Antropologia Criminale -Le Scienze Forensi e aree di applicabilità -Distinzione tra Criminologia e Criminalistica -Analisi Comportamentale e Criminal Profiling; i principi dell’attività investigativa -Elementi di Diritto -L’analisi della scena del crimine: le attività di primo intervento sulla scena del crimine; le attività di -sopralluogo e di repertazione; Il ruolo della Ricostruzione in 3D della Scena del Crimine nel Dibattimento -Attività investigativa e tecniche di investigazione, pedinamento, appostamento, intercettazioni -Il giornalismo investigativo -Crimini in famiglia (Analisi e studio di casi giudiziari) -Uso del DRONE per la ripresa della Scena del Crimine -Grafologia Forense -Vittimologia: il ruolo attivo della vittima nel reato -Autopsia psicologica come mezzo investigativo -Genetica Forense: l’analisi del DNA con focus sui reati a sfondo sessuale (illustrazione di casi pratici) -I disastri di massa, Antropologia e Odontologia forense (esami di ossa, denti e resti umani) -Genetica ed imputabilità -Lineamenti di Medicina Legale -Analisi Comportamentale: il Criminal Profiling; i crimini seriali -Esercitazione pratica: stesura del profilo di un omicida seriale -Il Giudice Onorario, l’esperto del Tribunale di Sorveglianza e l’esperto ex art. 80 dell’Ordinamento -Penitenziario -Balistica Forense, residui dello sparo, armi e munizioni -La perizia, la CTU e la CTP: dalla accettazione dell’incarico alla Relazione Finale e/o al dibattimento. -L’attività di Primo Soccorso Sanitario sulla Scena del Crimine -Elementi di Entomologia forense -La Scienza delle impronte: papillari, plantari, pneumatiche. -Strumenti effrattori -BPA – Blood Pattern Analysis -Esercitazioni pratiche Il Master prevede verifiche in itinere e questionari di gradimento alla fine di ogni modulo. Sono previste, tra le prove in itinere, simulazioni ed esercitazioni in Sede, presso Strutture o sulla “Scena del crimine”. Al termine del Master è prevista una verifica finale costituita da una Simulazione di un dibattimento, e la presentazione orale di un elaborato in forma di tesi. A tutti i corsisti verrà rilasciato un Attestato di Frequenza e un Certificato di Competenze che attesteranno le conoscenze acquisite. Destinatari Il corso intensivo si rivolge a tutte le classi di laurea previa valutazione. Può inoltre accedere personale in servizio nella Polizia di Stato, nell’ Arma dei Carabinieri, nel Corpo della Guardia di Finanza, nella Marina Militare, nell’Aeronautica Militare, nella Polizia Penitenziaria, nel Corpo Forestale dello Stato, nel Corpo Militare Croce Rossa, nella Polizia Municipale. Modalità di ammissione Le iscrizioni dovranno pervenire via mail corredate di CV e saranno accettate secondo l'ordine di arrivo fino a raggiungimento del numero previsto. Sede Il corso si svolgerà presso la sede dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, Via dei Papareschi, 11 (Angolo Piazzale della Radio) - Roma, con possibilità di variare la sede a seconda del numero dei partecipanti. Contatti Per ulteriori informazioni vi invitiamo a rispondere all’annuncio o contattare l’Istituto ai recapiti indicati nel nostro profilo.
Roma (Lazio)

INTRODUZIONE ALL’APPROCCIO-METODOLOGICO CLIL

Descrizione Il panorama scolastico italiano è in costante evoluzione e richiede ai docenti maggiori conoscenze e competenze in ambito linguistico. La metodologia, che promuove il multilinguismo e sviluppa l’utilizzo delle tecnologie informatiche nell’insegnamento, si identifica nel CLIL (Content and Language Integreted Learning), in cui lingua e contenuto convivono e condividono un unico percorso di apprendimento/insegnamento. Gli obiettivi del corso di formazione Introduzione all’approccio-metodologico CLIL mirano a trasferire al docente una serie di conoscenze e di competenze di carattere interculturale, al fine di consentirgli di promuovere nel contesto classe, opportunità di studio in diverse prospettive. La presentazione di contenuti relativi a materie specialistiche come la storia, la geografia, la matematica, la fisica in lingua straniera, consente al docente di creare ambienti di apprendimento che favoriscano atteggiamenti plurilingue e sviluppino la consapevolezza multiculturale. Il progetto CLIL, inoltre, è un percorso didattico integrato, in cui vige la normale prassi didattica, una metodologia laboratoriale, l’utilizzo del cooperative learning, la capacità di lavorare in gruppo con una maggiore interazione con l’insegnante e tra gli allievi stessi e si fonda sulle strategie del problem solving al fine di sviluppare le competenze progettuali ed organizzative nel portare a termine un Task based learning. Destinatari Il corso di formazione in Introduzione all’approccio-metodologico CLIL si rivolge ai docenti delle materie specialistiche e gli consente di acquisire una serie di strumenti basilari e di conoscenze preliminari utili nel poter insegnare la propria disciplina in lingua straniera. Il corso è aperto anche agli aspiranti docenti che scelgono di formarsi e di avvicinarci a questo ambito. I docenti dovranno essere in possesso di competenze linguistiche pari ad un livello B1 per scuola primaria e C1 nella scuola secondaria e avere padronanza dei contenuti specialistici in lingua straniera. In assenza di tali requisiti l’Istituto Armando Curcio offre la possibilità ai docenti di poter acquistare un corso di lingua straniera (francese, inglese, spagnolo, tedesco) interamente online oppure di seguire i corsi organizzati in presenza preso la sede dell’Istituto. Modalità di svolgimento del corso Il corso si svolgerà in modalità blended. Si prevedono: 25 ore e-learning - studio individuale di contenuti fruibili online attraverso la piattaforma Moodle dell'Istituto. Lo studio dei moduli online dovrà essere effettuato per un mese a partire da febbario 2017. 5 ore in presenza – WORKSHOP Il workshop in presenza si terrà a marzo 2107 in cui, sulla base dei contenuti studiati attraverso i moduli online, il docente organizzerà in gruppi i partecipanti, fornirà loro del materiale su cui organizzare un percorso didattico seguendo le metodologie e le strategie dell’insegnamento CLIL. Al temine della giornata vi sarà la presentazione dei lavori di gruppo. Costo Il corso di formazione ha un costo di 150 euro. Il pagamento dovrà essere effettuato con bonifico bancario entro la data di scadenza. Gli interessati dovranno contattare il Responsabile scientifico la Prof.ssa Sabrina Aulitto (s.aulitto@istitutoarmandocurcio.it) che inoltrerà il modulo di iscrizione e che in seguito dovrà ricevere il modulo compilato e la copia del bonifico. Il corso sarà attivato con un minimo di 15 partecipanti. Chiusura iscrizioni 20 gennaio 2017 Docente Prof.ssa Aulitto Tutor di sede Dott.ssa Paola Broscritto Sede* Viale Palmiro Togliatti, 1625 – Roma Via Della Quercia, 64 – Salerno *Laddove il numero dei partecipanti in una scuola raggiunga un minimo di 15 iscrizioni, il docente è anche disposto a svolgere la giornata dedicata al workshop nella sede della scuola stessa.
Roma (Lazio)

CORSI DI SCUOLA DI TEATRO LINGUAGGICREATIVI 2018-19

Sono aperte le iscrizioni ai corsi della Scuola di Teatro Linguaggicreativi dell'anno 2018/19 SCONTO A CHI SI ISCRIVE ENTRO IL 30 LUGLIO! ADULTI La Scuola di Teatro Linguaggicreativi offre un piano formativo completo per le discipline del teatro; corsi e prezzi sono pensati per dare il più ampio accesso a chiunque voglia avvicinarsi prima e praticare poi lâ€(TM)arte teatrale. Crediamo che la professionalità dei nostri insegnanti, tutti attori, autori e registi che lavorano quotidianamente in teatro, sia il valore aggiunto. Perché solo chi si confronta ogni giorno con i testi e con il pubblico ha il polso di cosa significhi fare teatro. Noi lo facciamo, e attraverso la scuola lo facciamo insieme, con cura e divertimento. I percorsi di Teatro Linguaggicreativi sono dedicati sia a chi vuole provarsi con il teatro nel dopo lavoro, sia a chi vuole fare del teatro una professione. Il piano didattico tradizionale prevede: Il triennio: un percorso didattico di tre anni, da ottobre a maggio, durante il quale lâ€(TM)allievo sarà gradualmente portato ad apprendere le tecniche dellâ€(TM)arte attorale, attraverso lo sviluppo della consapevolezza di sé e di sé con gli altri. Al termine di ogni corso gli allievi presenteranno un saggio spettacolo di fine anno. Laboratori- spettacolo: al termine del triennio, lâ€(TM)allievo-attore potrà accedere ai Laboratori spettacolo, percorsi quadrimestrali o semestrali dedicati alla costruzione di uno spettacolo partendo da un testo o da un autore definito e guidati da un regista professionista. Il gruppo mette in atto le dinamiche di una compagnia e al termine del laboratorio debutterà con tre serate di spettacolo. Il teatro comprende diverse discipline, proponiamo quindi i Corsi tecnici: scrittura creativa, voce e dizione, teatro in inglese, teatro di narrazione, teatro danza, per chi vuole completare la propria formazione o frequentare corsi mirati allâ€(TM)apprendimento di tecniche specifiche. Agli aspiranti professionisti invece, è dedicato il nuovo percorso “Actorâ€(TM)s Kitchen”, una proposta serale suddivisa anchâ€(TM)essa in tre anni, ma che prevede una frequenza annuale intensiva di 320 ore. Gli incontri di 8 ore settimanali e alcuni weekend di approfondimento sono divisi per materie e coinvolgono lâ€(TM)intero corpo docenti di Linguaggicreativi. Ogni anno il gruppo porterà in scena una presentazione di metà anno e uno spettacolo finale. Previo colloquio, il percorso è dedicato ad aspiranti attori tra i 18 e i 30 anni. Al termine del triennio, lâ€(TM)obiettivo sarà la creazione di una compagnia professionista autonoma. Linguaggicreativi è anche cinema. Accanto al teatro, proponiamo un corso annuale di recitazione cinematografica e un laboratorio film maker con registi professionisti che insegneranno agli allievi come realizzare un prodotto cinematografico, dallâ€(TM)ideazione, alla regia, alla postproduzione. Ogni allievo lavorerà su un proprio progetto che verrà proiettato a fine percorso. BAMBINI 4/5 ANNI E 6/9 ANNI Partendo dai primi anni di età abbiamo pensato a giochi-laboratori dove i bambini possano sperimentare il lavoro in gruppo per accrescere la socialità e allontanare le timidezze. Il metodo ludico-creativo permette al bambino di approcciarsi attraverso una relazione che conosce bene: il gioco. Molti sono gli strumenti didattici che mettiamo a disposizione: la musica, la scrittura collettiva di una fiaba, il gioco di ruolo, il disegno, lâ€(TM)improvvisazione, il canto. Crediamo che in un ambiente liberato da strutture, la creatività del singolo possa esprimersi al meglio e permettergli di condividere lâ€(TM)esperienza con altri bambini. Il gioco sullo spazio, sul movimento tridimensionale, sulla relazione e lâ€(TM)incontro con altri bambini, fornisce la base della tecnica teatrale e del vivere insieme. PREADOLESCENTI 11/13 Per i preadolescenti abbiamo pensato un corso in cui, sempre partendo dal gioco, che è specifica del teatro, si vanno ad aggiungere elementi che possano aiutare i ragazzi nella fase della preadolescenza, a giocare rispettando gli altri; a non imporsi ma ad accogliere idee e proposte diverse dalle proprie. Con i ragazzi preadolescenti il percorso prevede lâ€(TM)inserimento di alcuni elementi più propri del teatro, quali lâ€(TM)uso della voce e di un testo. Lo scopo è allenare a non aver timore di esprimersi (in ambito teatrale, scolastico etc). La scrittura scenica, attraverso lâ€(TM)improvvisazione, aiuta ad avere coscienza delle proprie possibilità espressive, a non temere il confronto, a strutturare il carattere e a renderlo libero ma disciplinato. ADOLESCENTI 14/17 ANNI Gli adolescenti sono portatori di grandi cambiamenti, nel corpo e nel modo di pensare. Gli stimoli sono tanti e diversi. Il corso mira ad incoraggiare i ragazzi ad avere un livello di attenzione molto alto nel breve tempo, per superare le timidezze e rafforzare lâ€(TM)autostima. Tre sono gli obiettivi che ci poniamo: Lavorare in gruppo senza perdere la propria individualità Valorizzare le proprie risorse per scoprire nuove modalità espressive Utilizzare sulla scena i propri strumenti espressivi, in modo consapevole, nel rispetto di sé e degli altri. Alla fine dellâ€(TM)anno ci saranno delle lezioni aperte, con scene, frammenti, spunti nati dal lavoro durante lâ€(TM)anno. Questo per non gravare sui bambini ed i ragazzi con lâ€(TM)idea di un risultato a tutti costi. I corsi sono pensati nel rispetto dei ritmi creativi, possiedono un respiro che da modo ad ognuno di sentirsi libero e non oppresso dal risultato. Questo è il teatro. Uno strumento di conoscenza di sé e degli altri che trascende il concetto di risultato ma preferisce il percorso e lâ€(TM)obiettivo. Obiettivo che si fissa insieme durante il viaggio lungo un anno di lavoro, di gioco e di scelte.
Milano (Lombardia)

N. 4 POSTI DISPONIBILI PER UN ANNO DI SERVIZIO CIVILE IN

SERVIZIO CIVILE IN TELEFONO ROSA - raccolta domande aspiranti volontarie entro il 28 settembre 2018 ore 18:00 4 posti disponibili per il svolgere un anno di Servizio Civile presso il TELEFONO ROSA PIEMONTE di TORINO! Il termine per la presentazione della domanda è il 28 settembre 2018 ore 18:00. RETRIBUZIONE MENSILE: €uro 433,80 netti Per informazioni: Associazione Volontarie del Telefono Rosa Piemonte di Torino: Via Assietta 13/A Torino tel. 011530666 - tel. 011530666 nei seguenti giorni e orari: • lunedì dalle ore 9,30 alle 15,30 • martedì dalle ore 14,00 alle ore 18,00 • venerdì dalle ore 14,00 alle ore 18,00 Oppure telefonare dal lunedì al venerdì dalle ore 20 alle ore 23.30 al 327.3275692 email: telefonorosa@mandragola.com Istruzioni su come presentare la propria candidatura (si ricorda che è possibile presentare domanda solo per un progetto): http://www.comune.torino.it/torinogiovani/volontariato/come-candidarsi Progetto e requisiti: Titolo progetto: INTERACTION Settore, area di intervento ed ente Assistenza – Donne con minori a carico e donne in difficoltà Associazione di volontariato che svolge attività di accoglienza, ascolto, accompagnamento per donne vittime di violenza di genere. Obiettivi del progetto Offrire spazi e occasioni di ascolto, accoglienza e accompagnamento, in campo legale (civile e penale), psicologico e psicosociale, a donne vittime di violenza di genere. Trasmettere la conoscenza dei servizi di rete e delle risorse del Centro di Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne. Realizzare una presenza attiva, dissuasiva, preventiva con esempi concreti di cittadinanza e di appartenenza, al fine di contrastare i fenomeni di marginalità, devianza e difficoltà che sono spesso elementi aggravanti i conflitti familiari. Sintesi attività d'impiego dei volontari e delle volontarie Ampliare i servizi • Conoscere, acquisire e implementare la propria competenza nelle accoglienze, affiancandosi agli operatori in servizio ed ai coordinatori di Presenza Amica, con attività prima in affiancamento e poi autonome; • Saper progressivamente operare in autonomia nelle accoglienze e negli ascolti in servizio, previo percorso di accompagnamento specifico e abilità nell’uso della scheda di orientamento; • Acquisire autonomia nell’orientamento verso le reti di opportunità, avendone specifica conoscenza; • Partecipare, condividere e gestire i percorsi di tutela e le forme di presa in carico dell’Associazione o della rete cittadina, conoscendo e favorendo le azioni di rete ottimali per azioni territoriali e prese in carico competenti; • Utilizzare al meglio gli indicatori di autonomia personale, attraverso attività di riflessione su di sé e sulle capacità di essere motivatori efficaci; • Acquisire e implementare la conoscenza della rete, usando nel modo più efficace anche le risorse del web; • Saper operare in autonomia operativa nel servizio Presenza Amica, anche con la capacità, legata non solo al servizio, di attivare i principi di cittadinanza attiva, di prevenzione e dissuasione; • Avere la capacità di condividere realtà e criticità del servizio, con attività sottoposte al vaglio critico personale e del gruppo; • Saper gestire in autonomia l’individuazione delle priorità dell’accoglienza, anche attraverso un utilizzo ragionato della rete; • Saper operare un monitoraggio autonomo dei percorsi usando la scheda di accoglienza in modo non solo rilevativo ma come vera e propria guida verso le azioni più opportune; • Possedere specifiche competenze nelle interazioni con le realtà professionali dell’associazione, utili a proporre anche alla fine del servizio una utile integrazione con le professionalità delle reti sanitarie e psicosociali esterne; • Partecipare a riunioni di coordinamento di equipe portando il proprio contributo, le esperienze, le intuizioni personali; • Coordinarsi in modo autonomo e in gruppo per azioni specifiche, in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino, cooperando ad attività di ricerca-azione. Contrastare le condizioni di marginalità e emarginazione • Acquisire, mantenere e gestire una personale autonomia operativa, favorendo una attività che non sia solo quella di servizio ma di personale condivisione sociale dei problemi che emergono; • Operare secondo competenze personali e realtà dei percorsi di affrancamento, con riflessione autocritica e capacità di utilizzare al meglio le risorse gruppali; • Saper operare nelle assistenze in emergenza, in particolare in orari serali, pur potendo contare (e sapendo condividere) sulla presenza costante di due coordinatrici in servizio, finalizzata alla gestione ottimale delle attività di servizio; • Acquisire e saper operare con una adeguata capacità di gestione del rischio; • Saper usare in modo adeguato gli indicatori che evidenziano rischi di vittimizzazione e di recidiva; • Possedere e operare secondo principi di autonomia delle competenze nel proporre/saper proporre forme di autotutela sostenibile; • Acquisire e operare capacità critiche nell’uso delle check list, attuando una riflessione personale sugli elementi che contribuiscono a tratteggiare la specifica situazione accolta; • Acquisire e operare capacità critica di uso dei materiali presenti in letteratura, anche al fine di promuovere un autoaggiornamento costante nel tempo; • Acquisire e operare competenze nel proporre e sostenere modifiche e integrazioni alle check list, intervenendo soprattutto nei momenti formativi e di gruppo; • Partecipare a riunioni di equipe e attività di supervisione, nelle quali non si è soggetti passivi di apprendimento ma cooperatori e cooperatrici per un reale cambiamento e implementazione delle risorse tecniche utilizzate. Facilitare la consapevolezza • Conoscere e saper valutare la violenza subita; • Conoscere e saper valutare la violenza assistita interpretando nel modo più corretto il significato che la violenza ha per i minori; • Operare secondo i principi della violenza vista dalla parte dei minori; • Conoscere e utilizzare gli effetti a breve, medio e lungo termine della violenza; • Conoscere i percorsi interni all’associazione sulla genitorialità sostenibile e le opportunità della rete, sapendo orientare al meglio le donne accolte in difficoltà nel ruolo genitoriale; • Saper proporre percorsi di rafforzamento delle competenze genitoriali, portando le proprie personali competenze e intuizioni nel confronto operativo; • Saper modificare un approccio sulla genitorialità sostenibile vs. sostegno alla genitorialità, al fine di salvaguardare il ruolo materno; • Conoscere operativamente la realtà dei minori vittime di violenza; • Acquisire e operare capacità di creare specifici e competenti percorsi di rete, in particolare sapendo operare con i servizi del territorio, quelli di NPI o il Tribunale dei Minori; • Acquisire e operare competenze sulla genitorialità sostenibile; • Analizzare criticamente i casi accolti; • Predisporre report delle attività trasformando le proprie esperienze in un report basato su dati ma anche su input di miglioramento/cambiamento negli approcci; Favorire la diffusione • Utilizzare le proprie competenze informatiche e i linguaggi giovanili per promuovere materiali sul web e sui social network; • Conoscere le pregresse esperienze dell’Associazione dedicate al mondo giovanile (metodo e strumenti, analisi degli esiti); • Leggere criticamente e revisionare gli stessi e promozione di testi specifici per le giovani generazioni (usando anche un linguaggio iconografico); • Monitorare le azioni più urgenti nel settore delle relazioni tra i generi e nell’uso dei mezzi tecnologici nelle giovani generazioni • Saper ipotizzare, predisporre e realizzare un piano significativo di intervento; • Realizzare un percorso adeguato con un monitoraggio attento e significativo; • Saper organizzare e rendere funzionali interventi nei confronti delle giovani generazioni, sia nel mondo scolastico sia nelle aggregazioni esterne; • Progettare e co-partecipare alla realizzazione degli incontri nelle scuole; • Progettare e realizzare interventi con testi, foto, video sui social network; • Aggiornare le pagine dei siti internet; • Raccogliere materiali informativi esistenti e ideazione di nuovi; • Raccogliere materiale fotografico delle iniziative; • Raccogliere dati degli interventi realizzati; • Stesura di un report di valutazione degli interventi; • Acquisire e operare capacità di saper interagire nel servizio Presenza Amica con le giovani generazioni, motivandole non solo nel caso di disagi personali ma anche ad azioni orientate ai diritti di cittadinanza, al valore dell’attenzione e della solidarietà, ai principi generali del volontariato; • Acquisire e operare capacità e competenza ad operare per attività a fini di ricerca con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino. Iter di selezione La selezione dei volontari avverrà secondo il Sistema di Reclutamento e Selezione della Città di Torino accreditato dall’Ufficio Regionale per il Servizio Civile, in sintesi la selezione prevede: • una valutazione curriculare dei candidati; • un primo colloquio di gruppo volto a verificare il possesso delle informazioni di base relative al Servizio Civile Nazionale Volontario e alle peculiarità del progetto; • un secondo colloquio individuale per comprendere le motivazioni e la corrispondenza tra il candidato e il profilo del volontario richiesto dal progetto. L'assenza anche a uno solo dei colloqui sarà considerata rinuncia; l'esito della valutazione curriculare e il punteggio attribuito nel corso del colloquio serviranno a formare la graduatoria. Condizioni di servizio e requisiti Numero ore di servizio dei volontari: 30 ore settimanali Giorni di servizio a settimana dei volontari: 5 Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Flessibilità oraria (da concordare) con disponibilità ad orari del servizio serale di Presenza Amica (dalle ore 19.30 alle ore 23,30 dal lunedì al venerdì). Requisiti I requisiti richiesti ai candidati per la partecipazione al progetto oltre a quelli previsti dal bando sono i seguenti. Obbligatori: Età candidati: da 21 a 28 anni di età (28 anni e 364 giorni) Diploma di scuola media superiore Preferenziali: • Istruzione e formazione Laureati o laureandi in scienze legali, psicologiche, giuridiche o sociali, oppure in ambito umanistico, in subordine diploma di scuola superiore in ambito sociosanitario o scienze sociali. • Esperienze Precedenti esperienze di volontariato nei settori: sociosanitario, psicosociale, solidarietà e promozione sociale • Competenze linguistiche Conoscenza di una lingua straniera • Competenze informatiche Conoscenza di pacchetti Access o buona conoscenza di Office • Conoscenze tecniche Formazioni specifiche su attività di accoglienza, orientamento e accompagnamento Sedi di svolgimento e posti disponibili • Sede di attuazione del progetto: Associazione Telefono Rosa - Sede Comune: Torino Indirizzo: via Assietta 13 Cod. ident. sede: 8581 Numero volontari per sede: 4 posti senza vitto e alloggio Caratteristiche conoscenze acquisibili Nell’ambito del presente progetto, è previsto il rilascio delle seguenti dichiarazioni valide ai fini del curriculum vitae: 1. Attestato di partecipazione al progetto di Servizio Civile rilasciato dall’ente proponente Città di Torino 2. Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento corso di formazione sulla sicurezza. 3. Dichiarazione delle capacità e competenze acquisite rilasciato dall’ente Cooperativa Sociale O.R.So. (ente terzo certificatore, accreditato presso la regione Piemonte per i servizi formativi ed orientativi) a seguito della partecipazione dei volontari al percorso di “Bilancio dell’esperienza”. Formazione dei volontari e delle volontarie Formazione generale Consiste in un percorso obbligatorio i cui contenuti sono dettati dalla normativa nazionale per una durata complessiva pari a 42 ore. La Città di Torino organizza un percorso formativo comune a tutti i giovani avviati, che si svolgerà presso sedi della Città stessa. Formazione specifica La durata totale sarà di 104 ore, così come dettagliato: • Formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile. • Presentazione dell’ente e azioni connesse alla operatività in sede e sul territorio. • Le norme civili e penali. • I servizi di rete nel settore psicosociale. • La violenza di genere: strategie di ascolto, counselling, gestione delle emergenze, ottimizzazione delle azioni in sede ed esterne. • La violenza di genere dal punto di vista dei minori vittime di violenza diretta e/o assistita • La genitorialità sostenibile. Per consultare il testo completo del progetto: http://www.comune.torino.it/torinogiovani/sites/default/files/documenti/18_interaction-ass_telefono_rosa.pdf
Italia (Tutte le città)

L’APPRENDIMENTO DELL’ALUNNO DISLESSICO

Ente che rilascia la certificazione: Asnor (Associazione Nazionale Orientatori) Iscrizioni: sempre aperte Durata: 50 ore stimate di formazione on line Destinatari: Docenti ed aspiranti docenti di scuola di ogni ordine e grado, educatori, pedagogisti, logopedisti e professionisti del settore. Presentazione e obiettivi formativi: La Legge 170 del 2010 delinea le novità in materia di Disturbi Specifici dell’Apprendimento – DSA – in ambito scolastico. Nell’art. 1 della legge la DISLESSIA viene definita come “un disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà nell’imparare a leggere, in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidità della lettura.” Qualche anno addietro questi alunni venivano additati come pigri, senza volontà … Gli alunni affetti da dislessia sono normodotati e il disturbo è modificabile attraverso degli interventi mirati con una didattica personalizzata. Il Corso si propone di fornire: Conoscenze sulla normativa di riferimento; Conoscenze e competenze tecnico – professionali sulle metodologie di intervento da attuare con gli alunni dislessici; Fornire strumenti e strategie didattiche per favorire il successo formativo dell’alunno dislessico. Il percorso formativo, inoltre, offre un’ampia e vasta gamma di metodologie didattiche opportunamente coniugate con le nuove tecnologie, dalle quali i docenti potranno attingere per realizzare la programmazione delle loro attività didattiche. Contenuti: Modulo 1 – La normativa di riferimento Normative Legge n. 170 del 08-10-2010 Il D.M. 12-07-2011 n. 5669 e le Linee Guida Modulo 2 – La dislessia: cause, diagnosi e riabilitazione I disturbi dell’apprendimento La dislessia Diagnosi Quali sono le cause della dislessia Quante dislessie? La riabilitazione Modulo 3 – Programmazione, valutazione e PDP La programmazione per gli alunni dislessici Il Piano Didattico Personalizzato – PDP Gli strumenti di valutazione L’apprendimento della letto-scrittura Le nuove tecnologie e metodologie didattiche Strumenti didattici: Una volta perfezionata l’iscrizione, il corsista riceve le credenziali necessarie per accedere alla piattaforma telematica ed usufruire, senza limitazioni, di tutti gli appositi strumenti didattici elaborati: Lezioni video on-line; Dispense scaricabili; Test di valutazione in itinere. Attestato: A conclusione del percorso l’utente riceve l’attestato finale rilasciato dall’Associazione Nazionale Orientatori – Asnor (Ente Accreditato MIUR – Direttiva 170/2016). Corso acquistabile con la carta docenti
Reggio Calabria (Calabria)

L’APPRENDIMENTO DELL’ALUNNO DISCALCULICO

Ente che rilascia la certificazione: Asnor (Associazione Nazionale Orientatori) Iscrizioni: sempre aperte Durata: 50 ore stimate di formazione on line Destinatari: Docenti ed aspiranti docenti di scuola di ogni ordine e grado, educatori, pedagogisti, logopedisti e professionisti del settore. Presentazione e obiettivi formativi: La Legge 170 del 2010 delinea le novità in materia di Disturbi Specifici dell’Apprendimento – DSA – in ambito scolastico. Nell’art. 1 della legge la DISCALCULIA viene definita come “un disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà negli automatismi del calcolo e dell’elaborazione dei numeri”. Qualche anno addietro questi alunni venivano additati come pigri, senza volontà… Gli alunni affetti da discalculia sono normodotati e il disturbo è modificabile attraverso degli interventi mirati con una didattica personalizzata. Il Corso si propone di fornire: Conoscenze sulla normativa di riferimento; Conoscenze e competenze tecnico – professionali sulle metodologie di intervento da attuare con gli alunni discalculici; Fornire strumenti e strategie didattiche per favorire il successo formativo dell’alunno discalculico. Il percorso formativo, inoltre, offre un’ampia e vasta gamma di metodologie didattiche opportunamente coniugate con le nuove tecnologie, dalle quali i docenti potranno attingere per realizzare la programmazione delle loro attività didattiche. Contenuti: Modulo 1 – La normativa di riferimento Normative Legge n. 170 del 08-10-2010 Il D.M. 12-07-2011 n. 5669 e le Linee Guida Modulo 2 – La discalculia: cause, diagnosi e riabilitazione I disturbi dell’apprendimento La discalculia: criteri diagnostici Cause della discalculia Differenze tra disturbo e difficoltà di apprendimento L’intelligenza numerica e le abilità di calcolo La diagnosi differenziale Modulo 3 – Programmazione, valutazione e PDP Il Piano Didattico Personalizzato – PDP Gli strumenti di valutazione L’apprendimento della letto-scrittura Le nuove tecnologie e metodologie didattiche Strumenti didattici: Una volta perfezionata l’iscrizione, il corsista riceve le credenziali necessarie per accedere alla piattaforma telematica ed usufruire, senza limitazioni, di tutti gli appositi strumenti didattici elaborati: Lezioni video on-line; Dispense scaricabili; Test di valutazione in itinere. Attestato: A conclusione del percorso l’utente riceve l’attestato finale rilasciato dall’Associazione Nazionale Orientatori – Asnor (Ente Accreditato MIUR – Direttiva 170/2016). Corso acquistabile con la carta docenti
Reggio Calabria (Calabria)

BES E DSA: INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE

Ente che rilascia la certificazione: Asnor (Associazione Nazionale Orientatori) Iscrizioni: sempre aperte Destinatari: Docenti ed aspiranti docenti di scuola di ogni ordine e grado, educatori, pedagogisti, logopedisti e professionisti del settore. Durata: 100 ore stimate di formazione on line Presentazione e obiettivi formativi: “L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”. (Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“). La Direttiva Ministeriale delinea e precisa la strategia della scuola italiana al fine di realizzare il diritto all’apprendimento per tutti gli alunni in situazioni di difficoltà. Dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia rendono difficoltoso il percorso scolastico dell’alunno e richiedono un lavoro intenso e sinergico da parte degli addetti ai lavori. La legge n. 170 del 2010 assegna alle Istituzioni Scolastiche il compito di individuare forme didattiche e modalità di valutazione adeguate affinché gli alunni DSA possano raggiungere il successo scolastico e formativo. Gli strumenti didattici compensativi e le misure dispensative sono determinanti per il raggiungimento del successo e le Istituzioni Scolastiche hanno l’obbligo di garantirne l’utilizzo. Il Corso si propone di fornire: Conoscenze sulla normativa di riferimento; Conoscenze e competenze tecnico – professionali sulle metodologie di intervento da attuare con gli alunni BES e DSA; Conoscenza teorico – pratiche sulle misure compensative e dispensative; Favorire il riconoscimento e la valorizzazione delle abilità e competenze di questi alunni. Il percorso formativo, inoltre, offre un’ampia e vasta gamma di metodologie didattiche opportunamente coniugate con le nuove tecnologie, dalle quali i docenti potranno attingere per realizzare la programmazione delle loro attività didattiche. Strumenti didattici: Una volta perfezionata l’iscrizione, il corsista riceve le credenziali necessarie per accedere alla piattaforma telematica ed usufruire, senza limitazioni, di tutti gli appositi strumenti didattici elaborati: Lezioni video on-line; Dispense scaricabili; Test di valutazione in itinere. Attestato: A conclusione del percorso l’utente riceve l’attestato finale rilasciato dall’Associazione Nazionale Orientatori – Asnor (Ente Accreditato MIUR – Direttiva 170/2016). Corso acquistabile con la carta docenti
Reggio Calabria (Calabria)

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES): INCLUSIVITÀ E STRUMENTI

Ente che rilascia la certificazione: Asnor (Associazione Nazionale Orientatori) Iscrizioni: sempre aperte Destinatari: Docenti ed aspiranti docenti di scuola di ogni ordine e grado, educatori, pedagogisti, logopedisti e professionisti del settore Durata: 50 ore stimate di formazione on line Presentazione e obiettivi formativi: La Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“ delinea e precisa la strategia della scuola italiana al fine di realizzare il diritto all’apprendimento per tutti gli alunni in situazioni di difficoltà. Il Corso si propone di fornire: Conoscenze sulla normativa di riferimento; Conoscenze e competenze tecnico – professionali sulle metodologie di intervento da attuare con gli alunni BES; Favorire il riconoscimento e la valorizzazione delle abilità e competenze di questi alunni. Il percorso formativo offre un’ampia e vasta gamma di metodologie didattiche opportunamente coniugate con le nuove tecnologie, dalle quali i docenti potranno attingere per realizzare la programmazione delle loro attività didattiche. Contenuti: Modulo 1 – La conoscenza dei bisogni educativi Speciali Conoscenza e comprensione dei BES L’evoluzione del concetto di BES Le difficoltà di linguaggio come fattori di rischio Il disturbo di apprendimento non verbale L’espressione BES Modulo 2 – Il contesto sociale e lo sviluppo delle intelligenze La relazione con il minore Le intelligenze multiple La famiglia, la scuola, il territorio Modulo 3 – Il PAI e il POF Una scuola inclusiva Il team di lavoro e l’insegnante inclusivo Il PAI Il PAI e il POF Modulo 4 – La disabilità Alunni con disabilità Alunni con disabilità e il PEI Modulo 5 – Strumenti compensativi e dispensativi per una didattica inclusiva ed interattiva I disturbi evolutivi specifici Strumenti compensativi e misure dispensative Didattica interattiva ed inclusiva Strumenti didattici: Una volta perfezionata l’iscrizione, il corsista riceve le credenziali necessarie per accedere alla piattaforma telematica ed usufruire, senza limitazioni, di tutti gli appositi strumenti didattici elaborati: Lezioni video on-line; Dispense scaricabili; Test di valutazione in itinere. Attestato: A conclusione del percorso l’utente riceve l’attestato finale rilasciato dall’Associazione Nazionale Orientatori – Asnor (Ente Accreditato MIUR – Direttiva 170/2016).
Reggio Calabria (Calabria)


Pubblicare Annunci Gratuiti - comprare e vendere usato in Italia | CLASF - copyright ©2019 www.clasf.it.